venerdì 13 novembre 2020

Incontro con la Giuria Giovani di "Asti d'appello"

Nato nel 2009, il Premio "Asti d'appello" riscatta gli scrittori, prima selezionati e poi 'bocciati' dalle giurie dei premi nazionali, rimettendoli in gara una seconda volta. Da quella data gli studenti del Liceo Classico partecipano, insieme a quelli degli altri Istituti Superiori della città in qualità di Giuria Giovani che, insieme alla Giuria dei lettori e a quella costituita da uomini e donne di legge, contribuiscono ad eleggere il vincitore.


In questo anno così particolare, l'incontro tra i giovani lettori e i giornalisti de La Stampa Elisa Schiffo e Carlo F. Conti si è svolto online con il coordinamento della Direttrice della Biblioteca Astense “Giorgio Faletti” Donatella Gnetti. Hanno partecipato a questo incontro le insegnanti del Liceo Classico "V. Alfieri", la prof.ssa Cinzia Zenzon, del Liceo Scientifico "F. Vercelli", la prof.ssa Giovanna Amerio e dell'Istituto "G. A. Giobert", la prof.ssa Lorena Conti, accompagnate dal seguito dei loro studenti. La nostra rappresentanza, in particolare, è costituta da diciassette allievi delle classi VC, IV B e III B che, nel corso dell'intervista di venerdì 13 Novembre 2020, hanno espresso i loro pareri e le loro impressioni sui libri letti. Quest'anno il parterre degli scrittori in gara era costituto da sette autori che si sono cimentati in gialli (contemporanei o storici), biografie, autobiografie e romanzi drammatici. 

Tra i romanzi che hanno suscitato un particolare interesse tra i nostri studenti ricordiamo:


"Il guardiano della collina dei ciliegi" di Franco Faggiani che Francesca Fabris, studentessa della IVB, definisce <<piacevole per la descrizione naturalistica: dai paesaggi del villaggio natio del protagonista a quelli della maturità, contrapposti al mondo occidentale in cui egli fatica ad entrare>>. Marco Mingrone, studente della VC, pur avendo trovato il racconto della vicenda piuttosto prolisso, ha apprezzato <<il senso di calma che il protagonista ricerca per tutta la vita e che trova proprio quando rimane solo a fare il guardiano della collina dei ciliegi>>.



Altro romanzo apprezzato dagli studenti del Liceo Classico è stato

"Il gioco degli dei" di Paolo Maurensig, che sembra, come sottolinea ancora Francesca Fabris, <<raccontare la stessa vicenda di formazione del romanzo precedente: l'umile che viene incaricato di rappresentare il suo Stato - Giappone e India, rispettivamente - ma che, giunto in Occidente, non vuole perdere la propria identità>>. 

Nella classifica di gradimento dei nostri allievi troviamo ancora "Almarina" della scrittrice Valeria Parrella, romanzo che Ilaria D'Antona, V C, rimpiange di non aver avuto tempo di leggere una seconda volta per cogliere appieno il significato del flusso dei pensieri della coprotagonista, l'insegnante che si occupa della giovane ragazza detenuta in carcere.


Riccardo Glinac, V C, ammette che <<in poche pagine l'autrice ha saputo approfondire in maniera mirabile il carattere delle due donne>>.

Domenica 22 Novembre 2020 si terrà in diretta streaming la Finale del premio in cui i sette scrittori proveranno a convincere la Giuria dei togati del valore dei loro prodotti letterari: intanto hanno conquistato i ragazzi, l'impresa più complessa!


A cura di Cinzia Zenzon




sabato 31 ottobre 2020

Premiazione Digital Info Hunt

Ieri, venerdì 30 Ottobre 2020, si è svolta in modalità online la premiazione del concorso Digital Info Hunt, un progetto realizzato di concerto con la Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e per la valutazione del sistema nazionale di istruzione del Ministero dell’Istruzione, all’interno dell’Azione #15 del Piano Nazionale Scuola Digitale, organizzato dal Liceo Scientifico e Classico statale “Peano-Pellico” di Cuneo. 

Si è trattato della prima edizione nazionale della competizione dal titolo “DIGITAL INFO HUNT – 90 minuti di caccia in rete”, una gara basata sulla ricerca intelligente di dati e informazioni in rete, volta a sviluppare nuove competenze nel campo della verifica dell’attendibilità dei siti e della veridicità delle notizie. Per il Liceo Classico ha partecipato una squadra costituita da quattro allievi della classe IV B: Carlotta Rocatti, Francesca Fabris, Alessandro Merlone, Agnese Pagliarino. 

I quattro studenti hanno affrontato una una gara di qualificazione, aperta a tutte le squadre iscritte, costituita da due prove distinte, al termine delle quali le squadre hanno sommato i punteggi, mercoledì 14 ottobre 2020 e mercoledì 21 ottobre 2020, preceduta da una sessione di prova martedì 6 ottobre 2020 e una gara finale, riservata alle squadre meglio classificate mercoledì 28 ottobre 2020. La nostra squadra è arrivata diciannovesima nella prova di qualificazione, quindi ha rimontato alcune posizioni aggiudicandosi il tredicesimo posto nel corso della prova finale. 

I componenti della squadra hanno lavorato ciascuno dalla propria abitazione avvalendosi della piattaforma attivata dal nostro Istituto Teams di Office 365 che ha consentito loro di visionare contemporaneamente le domande grazie alla condivisione dello schermo dal momento che solo un componente della squadra (nel nostro caso la capitana è stata Carlotta Rocatti) poteva accedere con le credenziali alla piattaforma. Le domande sono cresciute di numero di prova in prova pur nello stesso tempo a disposizione (un'ora e mezza), ma i nostri ragazzi, pur non abituati a tale tipo di lavoro, non si sono scoraggiati e, ciascuno con le risorse che aveva a disposizione, ha dato il suo contributo a rispondere alle domande rintracciando le notizie nella rete e verificando quali di esse fossero delle fake news.

Durante la cerimonia di premiazione di venerdì 30 Ottobre i ragazzi hanno scoperto di essere arrivati tredicesimi: "Io personalmente sono soddisfatta, visto che non ci si poteva preparare in alcun modo", afferma Carlotta Rocatti. E ne ha tutti i motivi, visto che la nostra squadra si è aggiudicata un Micro Bit per ogni componente che verrà recapitato a scuola nei prossimi giorni. Complimenti alla nostra squadra e speriamo che, come ha affermato il Dirigente Scolastico del Liceo Cuneo Alessandro Parola, si possa organizzare una nuova edizione in primavera: certamente la nostra squadra sarà ancora più agguerrita! 

Questo risultato è indice del fatto che i nostri ragazzi stanno acquisendo, pur in un periodo difficile per noi tutti e di didattica a distanza, quelle competenze di cittadinanza digitale auspicate dalle recenti direttive del Ministero: bravi, ragazzi!

a cura di Cinzia Zenzon

domenica 25 ottobre 2020

LA DISCUSSIONE CONTINUA, DA NUOVI PUNTI DI VISTA

Ecco le riflessioni sulla stessa questione di altre due alunne di V A: Emma Monticone prova ad assumere un punto di vista diverso, ispirato al criterio dell'utile collettivo in situazioni eccezionali per tutti; Francesca Berruti invece riflette sul diritto del paziente a ricevere cure, in qualunque situazione sanitaria si trovi.

Pro Helvetia (e non solo)


Così si fa, brontolava Malpelo; gli arnesi che non servono più, si buttano lontano”.

Le parole che Verga fa pronunciare a Rosso Malpelo nell’omonimo racconto ci appaiono particolarmente attuali, in questo momento: da qualche ora, infatti, è stata pubblicata su numerosi giornali la notizia che la Svizzera ha deciso di negare la rianimazione agli anziani malati di Coronavirus.
Foto di Jills da Pixabay 

Gli anziani sembrerebbero essere quindi considerati quasi degli scarti, qualcosa che non è più utile per la società e che può essere quindi sacrificato.

Molti stanno già iniziando ad esprimere il loro disappunto riguardo a questo provvedimento, accusando lo stato elvetico di star violando il diritto alla salute, negando il trattamento sanitario ad alcune persone, e in alcuni casi i medici stessi di star tradendo il giuramento di Ippocrate.

Quello di cui, però, mi sembra si stiano dimenticando coloro che criticano il nuovo protocollo svizzero è che ci troviamo nel bel mezzo di una pandemia, che la situazione sta (purtroppo) peggiorando ogni giorno di più e che in Svizzera il rapporto di casi ogni centomila abitanti è nettamente superiore a quello di tutti gli altri stati con cui confina.

Inoltre, le scelte che a breve potrebbero trovarsi ad affrontare i medici svizzeri sono esattamente le stesse di fronte alle quali si sono trovati di fronte i medici italiani questa primavera, durante la prima ondata di Coronavirus.

L’unica differenza sta nel fatto che, mentre in Svizzera i medici avranno per lo meno un protocollo ufficiale, delle regole, a cui attenersi e su cui fare affidamento nel fare queste terribili scelte, qui in Italia i singoli medici hanno dovuto prendersi la responsabilità e farsi carico del peso enorme di dover decidere chi salvare e chi no (con tutti i sensi di colpa che sicuramente ne saranno derivati) senza poter contare su alcun documento ufficiale che desse loro delle indicazioni precise sul criterio da adottare, delle garanzie o che li tutelasse.

Ovviamente il diritto alla salute è un diritto sacrosanto, a prescindere dall’età dell’individuo, ma credo che la situazione corrente giustifichi l’adozione di protocolli come quello della Svizzera, per il semplice fatto che se non si adottassero misure del genere, le perdite umane crescerebbero esponenzialmente.

Alla base della decisione presa dalla Svizzera (e delle scelte compiute dai medici italiani e non solo nei mesi passati) ritroviamo il principio della selezione naturale di Darwin, la legge del più forte, in base alla quale solo i più forti sopravvivono, mentre i più deboli sono destinati a morire (principio che è anche sotteso al racconto “Rosso Malpelo” di Verga, tra l’altro).

Ovviamente, in questo caso, non è la natura ad agire direttamente, ma l’uomo, che si trova a dover selezionare e “sacrificare” chi ha una minore aspettativa di vita in favore di chi, nel caso ricevesse le cure adeguate, sopravvivrebbe ancora a lungo.

In realtà, analizzando questo criterio di scelta in ottica leopardiana, si potrebbe fare anche un’altra considerazione, ovvero che chi, una volta curato “a discapito” di un’altra persona, sopravvivrà, avrà vissuto solo un po’ più a lungo, perché alla fine tutti siamo destinati, prima o poi, a morire.

E’ evidente nel finale del “Dialogo della Natura e di un Islandese” di Leopardi, in cui l’Islandese, secondo una delle due versioni della vicenda, viene sbranato da due leoni digiuni da tempo “che appena ebbero la forza di mangiarsi quell’Islandese […] e presone un poco di ristoro, si tennero in vita per quel giorno”.

Secondo la logica leopardiana, non avrebbe senso considerare una categoria della popolazione più sacrificabile delle altre, perché il destino di tutti è lo stesso ed è la morte, ma, considerando la situazione attuale, credo che seguire la logica darwiniana sia la cosa più ragionevole da fare: quando i reparti dei Pronto Soccorso si riempiono a tal punto e ad una tale velocità di persone che hanno bisogno di cure, vanno fatte delle scelte, perché semplicemente non c’è posto per tutti.

E’ ovvio che in circostanze normali i medici non sceglierebbero (e neanche si troverebbero nella posizione di dover scegliere) chi assistere e chi no, perché ciò significherebbe andare contro la propria morale, prima ancora del giuramento di Ippocrate, ma quella in cui ci troviamo, mi sembra chiaro, non è una circostanza normale.

Non voglio essere fraintesa: io sono assolutamente convinta che tutte le vite abbiano lo stesso valore, sia la vita di un anziano, sia la vita di un giovane, ma, nel momento in cui si è costretti a scegliere chi tentare di salvare e chi no, va presa una decisione razionale e quindi optare per la persona che ha più chance di sopravvivere.

Nessun uomo vorrebbe mai trovarsi nella situazione di doversi porre al posto della natura e decidere chi debba morire e chi, invece, possa continuare a vivere, ma il momento, purtroppo, sta arrivando; anzi, lo stiamo già vivendo.

Emma Monticone, classe V A


Il Coronavirus, le cure agli anziani e il Darwinismo nel 2020


Il periodo in cui ci troviamo è molto particolare e dobbiamo affrontare avvenimenti inattesi. Da otto mesi viviamo a contatto con il Covid-19, un virus che si è manifestato per la prima volta in Cina verso la fine del 2019 e si è diffuso rapidamente in tutto il mondo. La situazione, dopo la relativa tranquillità dell’estate, è tornata ad essere tragica, i contagi di ieri, venerdì 23 ottobre, in Italia sono stati 19143, la curva è dunque in continua crescita.

Nel resto del mondo le cose non vanno meglio. Hanno fatto scalpore le dichiarazioni di Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti d’America al termine del suo primo mandato, che ha proposto una “cura” a base di iniezioni di disinfettante. Ora arriva la Svizzera[1], che ha stabilito di negare l’accesso ai reparti di rianimazione agli anziani ammalati di coronavirus, per evitare un eccessivo sovraffollamento delle terapie intensive.
Foto di Gerd Altmann da Pixabay 


Il protocollo, elaborato dall’Accademia Svizzera delle Scienze Mediche e dalla Società Svizzera di Medicina Intensiva, è in vigore dal 20 marzo, anche se ufficialmente non è stato ancora adottato. Il documento, a pagina 5, riporta i profili dei pazienti che non dovrebbero essere ricoverati in terapia intensiva al livello B. Si tratta dei pazienti di età superiore agli 85 anni e di quelli di età superiore ai 75 anni, che abbiano malattie pregresse anche non a stadi molto gravi e una speranza di vita che si aggira intorno ai 24 mesi. I pazienti che non possono essere ricoverati al livello A sono, invece, i più gravi, i malati oncologici a cui non rimangono più di 12 mesi di vita e i pazienti affetti da malattie pregresse a stadi molto gravi o da malattie terminali.

I posti liberi nella terapia intensiva svizzera sono ora poco più di 6000, ma la malattia procede velocemente e presto i medici potrebbero trovarsi a fronteggiare la situazione che i medici bergamaschi hanno affrontato a marzo, quando anche in Italia la priorità era salvare i malati di coronavirus più giovani piuttosto che gli anziani, abbandonati a loro stessi senza le giuste cure palliative negli ultimi attimi della loro vita.

Il presidente dell’Ordine dei Medici svizzero, Franco Denti, difende la politica del proprio paese - nonostante abbia affermato che scegliere di rianimare una persona piuttosto che un’altra sia una scelta difficile per qualsiasi medico – sostenendo che molti pazienti potrebbero non volere essere sottoposti ad ulteriori cure, come quella a cui sono sottoposti i pazienti intubati in rianimazione, e questo documento potrebbe dunque essere utilizzato dai medici come garanzia della propria scelta.

Il protocollo svizzero appare troppo drastico. Ammesso che sia possibile fare scelte su chi curare in base alle aspettative di vita, l’orizzonte temporale individuato, da uno a due anni a seconda dei casi, sembra troppo lungo per poter essere considerato decisivo. Nessuno di noi può essere sicuro di essere vivo fra uno o due anni. Se si ragiona in questo modo, forse non dovrebbe essere curato nessuno.

Le affermazioni del documento vanno contro la deontologia professionale di un medico e il giuramento di Ippocrate che tutti i neodottori in medicina pronunciano al momento della laurea. Negare le cure ai pazienti solo perché anziani e sostenere di farlo in nome della loro libertà di scelta, come dice il dottor Denti, è un modo di arrampicarsi sugli specchi. È chiaro che il problema sia la disponibilità di posti. Ci si riferisce alla situazione con termini tipici della guerra, come “razionamento” – in questo caso dei ricoverati. Per il momento non ci si è ancora dovuti appellare al documento del 20 marzo. Denti aggiunge che le decisioni saranno prese dal comitato etico. Dal 20 marzo ad oggi sono passati sette mesi. In questo periodo, sapendo che ci sarebbe stata una seconda ondata, le autorità, comprese quelle svizzere, avrebbero potuto organizzarsi, proprio aumentando i posti in terapia intensiva, ma evidentemente non si è voluto farlo.

Questo ci porta ad una riflessione molto amara. Darwin nell’ Ottocento ha teorizzato l’evoluzione della specie e spesso il suo pensiero viene associato alla selezione naturale. La giraffa ha il collo lungo perché gli alberi da cui ricavare il cibo erano sempre più alti e il collo del cavallo era troppo corto per poter mangiare. Gli esemplari col collo più lungo sono quindi riusciti a sopravvivere, perché potevano arrivare ad una fonte di nutrimento ad altri non accessibile. La selezione naturale permette agli esemplari più forti e adattabili di ogni specie di sopravvivere. I dinosauri non avevano più le qualità fisiche per sopravvivere sulla terra che si era raffreddata e si sono estinti. Questa è selezione naturale. Le cure negate agli anziani sono una forma di selezione naturale che non può e non deve essere accettata da una società che si considera civile.

Mastro Misciu, padre di Malpelo nella novella del Verga, muore sotto una colonna di terra mentre svolge un lavoro pericoloso. Nessuno lo aiuta, nonostante abbia ancora una speranza di farcela. Lotta fino a consumarsi le mani per uscire dalla terra, ma nessuno, oltre al figlio, si dà da fare per lui.

Ogni vita è importante e ognuno di noi ha il diritto di fare di sé ciò che preferisce. Si è liberi di rifiutare la rianimazione come ogni forma di accanimento terapeutico, ma, se la decisione del paziente è provare fino all’ultimo a salvarsi, nessuno può intromettersi.

I medici hanno il dovere di lottare fino all’ultimo per salvare un paziente se questa è la sua volontà e un protocollo dovrebbe garantire le cure migliori per tutti e non andare contro i principi fondanti della deontologia professionale.


[1] v. “La Svizzera sceglie: rianimazione negata agli anziani malati di coronavirus”, La Stampa https://www.lastampa.it/esteri/2020/10/24/news/la-svizzera-sceglie-rianimazione-negata-agli-anziani-malati-di-coronavirus-1.39453134

 Francesca Berruti, classe V A

sabato 24 ottobre 2020

LE FRONTIERE DELL'UMANITA': RIFLESSIONI IN TEMPO DI PANDEMIA

Ecco le riflessioni di Lorenza Gerbo, Classe VA, sollecitate dagli episodi di cronaca degli ultimi mesi e dalle recenti notizie sulle scelte etiche in Svizzera nella cura dei malati di Covid, collegate a una profonda riflessione sugli autori e le problematiche affrontate nell'ambito della letteratura italiana in questa prima fase dell'anno scolastico

COVID-19: UN DEJA VU DEL DARWINISMO 

42,2 milioni sono gli uomini che hanno contratto il covid-19 nel mondo, 1,14 milioni di persone sono morte. I numeri continuano a salire vertiginosamente: solo in Italia il 23 ottobre sono stati registrati 19.143 nuovi contagi e 91 morti.

Nell'arco di pochi mesi la nostra quotidianità è stata completamente stravolta da questo minuscolo virus che è in grado di sconvolgere e distruggere milioni di vite. È un virus crudele che non guarda in faccia alle vittime, bambini, giovani e anziani, proprio come la potente Natura, descritta da Leopardi nel "Dialogo della Natura e di un Islandese" (Operette Morali, XII), che spiega al viaggiatore la propria noncuranza nei suoi confronti: essa è completamente indifferente alle sorti dell’uomo, lo osserva senza far nulla per migliorarne le condizioni di vita perché pensa che le persone siano una piccola parte di un immenso meccanismo e che quindi siano, come tutti gli altri esseri viventi, destinati a nascere e morire, impotenti di fronte a sé stessa, infinitamente più grande e potente. A distanza di secoli, ci ritroviamo a vivere la stessa condizione dell’Islandese poiché tutti ci stiamo rendendo conto di quanto siamo inermi di fronte a questo minuscolo, ma potentissimo virus.
Foto di Gerd Altmann da Pixabay 

Un barlume di speranza, però, ci viene dato dai dottori che ogni giorno cercano di fare il possibile per sconfiggere il coronavirus, salvando le vite di chi purtroppo si ritrova a dover lottare contro questo mostro. In questi giorni in cui tutte le certezze vacillano, non siamo nemmeno più certi di poter avere l’appoggio dei medici: la Svizzera, infatti, ha dichiarato che verranno negate le cure in terapia intensiva alle persone affette da covid-19 con più di 85 anni di età e a coloro che superano i 75 e aventi altre patologie. I medici, in Svizzera, dovranno scegliere chi salvare e chi, con alte probabilità, vista l’anziana età, condannare a morte.

A questo punto mi sorgono spontaneamente delle domande: la vita di un uomo giovane ha più valore di quella di un anziano? L'uomo cos’è? Una risorsa o un essere umano? Credo che la Svizzera veda gli uomini come pure risorse e che per questo motivo di fronte a un giovane e un anziano scelga di salvare il primo perché quest’ultimo è più utile allo stato. 

Ora mi chiedo, siamo tanto distanti dal darwinismo sociale del XIX secolo? No, anzi, ci siamo completamente dentro perché stiamo decidendo chi ha diritto di vivere e chi no. Il pensiero del naturalista Darwin, secondo cui sopravvive la specie più forte e la più debole soggiace, nel ‘900 ha dato vita al darwinismo sociale che ha portato a credere che gli uomini di colore, gli ebrei, gli omosessuali e tante altre persone fossero inferiori e che, quindi, dovessero soccombere. Oggi, se pensiamo ai campi di concentramento, alle persecuzioni razziali e omofobe rabbrividiamo, ma ci rendiamo conto che decidendo chi curare e chi no stiamo cadendo nelle stesse atrocità del passato? Non esistono “razze” migliori esattamente come non vi sono persone più degne di vivere di altre. 

Che n’è stato dei principi della rivoluzione francese: liberté, egalité, fraternité? Dopo anni di lotta per l’uguaglianza ci ritroviamo a decidere chi assistere e chi no, creando una netta disuguaglianza sociale.

Di fronte a tanto cinismo e indifferenza, realizzo che le parole di Rosso Malpelo che credevo tanto distanti da me, invece sono più vicine di quanto pensassi. Malpelo, nella novella Rosso Malpelo, di Verga, dice: “l’asino va picchiato, perché non può picchiar lui; e s’ei potesse picchiare, ci pesterebbe sotto i piedi e ci strapperebbe la carne a morsi”. Con questa frase Malpelo, sostenendo che il più forte non sbaglia a picchiare il più debole, sta cercando di dire le stesse cose di Darwin. La lotta per la vita c’è a tutti i livelli perché tutti continuamente cercano di imporsi. Noi, scegliendo chi curare stiamo mettendo da parte i “più deboli”, ma è giusto?

Voglio appellarmi alle vostre coscienze. Pensate che tra le persone a cui potrebbe essere negata una cura potrebbe esserci un vostro parente o amico o una qualsiasi persona che semplicemente non è più una “risorsa utile”. Abbiamo lottato tanto per essere giudicati sulla base del nostro valore come individui e ora permettiamo di essere visti come semplici macchine? 

Non pensiamo egoisticamente, ragioniamo con la coscienza per evitare di far vivere a persone innocenti le stesse atrocità subite nel passato da persone che, come tutti noi, volevano solo vivere. Concludo con la frase diventata lo slogan della lotta contro il razzismo nel 2020, ma che ha validità universale: all lives matter (“tutte le vite contano”).

Lorenza Gerbo, classe V A

domenica 4 ottobre 2020

PREMIAZIONE PREMIO LETTERARIO LIONS 2019 -2020

Si è svolta il 26 Settembre 2020, al Teatro Balbo di Canelli, la premiazione degli studenti vincitori del Premio Lions: il concorso, che si svolge con cadenza biennale, propone agli studenti di redigere una prefazione o postfazione di autori del Novecento italiano. 

L'edizione del 2019/2020, dedicata alla prefazione o postfazione di un'opera di Primo Levi, ha visto classificate, tra i giovani studenti premiati, due alunne del Liceo Classico: al primo posto Emilia Bezzo (classe V A dell'a.s. 2019/20), autrice di una prefazione a "Se questo è un uomo" e al quarto Anna Marello (classe V A dell'a.s. 2020/21), autrice di una prefazione a "I sommersi e i salvati".










La studentessa vincitrice del primo premio, Emilia Bezzo, tra la Dirigente Scolastica Maria Stella Perrone e il professor Andrea Varaldo










La studentessa quarta classificata, Anna Marello.



Alle due premiate le migliori congratulazioni.

a cura di Rossana Levati

domenica 12 luglio 2020

Lettera di Alfredo Poli - Menzione speciale per Emilia Bezzo

La maturità in formato ultralight dettata dall’emergenza coronavirus non sembrava certamente destinata a riservare grandi sorprese

Decurtato delle prove scritte e ridotto ad un colloquio della durata di un’ora, affidata ad una commissione formata esclusivamente da docenti interni (a parte il presidente) l’esame di stato 2020 aveva tutti i requisiti per tradursi in un rito ancora più formale e scontato del solito.

Inaspettatamente, le cose sono andate in maniera un po’ diversa. Non perché i commissari abbiano riscoperto, all’improvviso, un’innaturale dimensione di severità, ma perché i ragazzi, non solo i migliori, ma anche diversi fra quelli vissuti all’ombra di un più o meno grigio anonimato, ci hanno messo del loro, sia nel cosiddetto “elaborato d’indirizzo” (escogitato dalla ministra Azzolina all’ultimo momento in sostituzione della seconda prova scritta), che nel colloquio multidisciplinare.

L’esame ben fatto – quest’anno più ancora degli anni scorsi – doveva vedere il candidato protagonista e i commissari relegati ad una funzione pressoché notarile, “costretti” a fare una domanda come extrema ratio soltanto davanti al blocco totale del candidato.

Si potrebbe discutere all’infinito sulla validità di una formula del genere ma certo molti allievi hanno dato il meglio di sé proprio durante questa prova. Indubbiamente, una bella sorpresa per i commissari, i quali ne hanno certamente tenuto conto nell’attribuzione dei voti finali. Facile obiettare che con un esame regolare i risultati sarebbero stati diversi, doveroso è riconoscere la serietà con cui i ragazzi – in netta maggioranza – hanno onorato un impegno che, sulla carta (ma anche nella sostanza) avrebbe potuto essere eluso con il minimo sforzo.

Non si presta, invece, ad alcuna interpretazione ambivalente l’esame di Emilia Bezzo, studentessa della cl. 5A, giunta all’appuntamento finale con un curriculum insuperabile: media dei voti prossima al 10 nei cinque anni di corso, innumerevoli riconoscimenti ottenuti in concorsi e certami svolti in giro per l’ Italia nei più svariati ambiti disciplinari, unito, giusto per dimostrare a se stessa di non essersi totalmente immolata allo studio “matto e disperatissimo”, un impegno assiduo profuso nel tennis agonistico, con la partecipazione a numerosi tornei nazionali e internazionali dove ha avuto modo di dimostrare un talento certamente non comune. Insomma un connubio perfetto di determinazione ed ingegno che Emilia è riuscita a far emergere con grande evidenza anche nel suo esame, in tutte le parti dell’esame: l’elaborato, dedicato alla concezione della temporalità nei poeti lirici greci e latini, che per la varietà e corposità della bibliografia utilizzata e per la profondità dell’indagine linguistico-stilistica avrebbe potuto tranquillamente essere equiparato ad un saggio universitario, poi l’analisi, non meno rigorosa, di un brano tratto da “L’umorismo” di Pirandello.

Semplicemente strepitosa, infine, la modalità con cui si è svolto il colloquio multidisciplinare: partendo da un pensiero di Schelling sul concetto di essenza ed esistenza la candidata ha discusso e dimostrato le corrispondenze fra filosofia della contingenza, esistenzialismo, teatro dell’assurdo, corrente elettrica istantanea , respirazione cellulare e ciclo di Krebs (mi limito a citare i passaggi senza pretendere, ovviamente, di ricostruire i collegamenti). Mi è venuto spontaneo ravvisare nelle argomentazioni di Emilia un’esemplificazione pratica del famoso concetto greco di polymatheìa: c’è un’unica realtà conoscibile, a essere diversi e molteplici sono i linguaggi con cui la si può descrivere, ciascuno caratteristico di una specifica scienza. E’ un concetto fondamentale della civiltà ellenistica nella sua fase più matura che, da buon prof di greco, ricordo frequentemente ai miei alunni, ma un conto sono le parole affidate ad una spiegazione un altro è vederlo confermato in maniera così persuasiva da una liceale all’esame di maturità.

Esame straordinario, quello di Emilia, per il quale non era sufficiente tributare la valutazione massima, sia pure impreziosita dal raro privilegio della lode; occorreva in qualche modo fissarne il ricordo: da qui la decisione unanime di inviare una menzione ufficiale al Ministero dell’Istruzione perché ne rimanga traccia negli annali e, soprattutto, perché l’eccellenza trovi, una volta tanto, adeguato riconoscimento.

Intanto lei guarda già oltre, ai suoi studi universitari presso la Sorbonne dove è stata inserita, al termine di una durissima selezione, nell’esiguo drappello di allievi (30 in tutto su oltre 900 aspiranti provenienti da tutta Europa) che seguiranno i corsi per conseguire una doppia laurea in lettere e in filosofia, senza scartare l’altra opzione, ancora in piedi, di sostenere l’esame di ammissione alla prestigiosa Scuola Normale Superiore di Pisa: un dilemma fra due strade accomunate dall’eccezionalità.

Qualche volta mi è venuto spontaneo mettere in dubbio l’effettiva incisività svolta dalla scuola, con i suoi ritmi standardizzati e con l’appiattimento culturale tipico degli ultimi anni, nei riguardi una ragazza dalle doti intellettuali di Emilia, da sempre abituata a viaggiare per conto proprio a ben altre velocità. Non so darmi una risposta precisa ma ho notato l’intensità dello sguardo della ragazza e la luminosità del suo sorriso quando, al termine dell’esame ha voluto ringraziare i suoi insegnanti, segni inequivocabili della sua sincerità. E allora mi piace pensare che una parte di merito, per quanto piccola, nel luminoso percorso che questa giovane è destinata a compiere, sia anche nostro. Pensarlo serve a riconciliarsi un po’ con questo mestiere e, in fondo, a capire che, può riservare anche qualche soddisfazione.


Alfredo POLI
Liceo classico “V. Alfieri” II commissione Esame di stato 2020

martedì 2 giugno 2020

UNISTEM Day on-line - Esperienza emozionante - 29 maggio 2020

Più di 800 studenti della Regione Piemonte hanno partecipato all’evento di Unistem Day 2020 organizzato da UNITO e NICO (Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi); tra questi anche alcuni allievi delle classi 4A, 4C, 5A,5C del nostro Liceo Classico. 


Dopo i saluti del Magnifico Rettore, Prof. Geuna, anch’egli neuroscienziato di formazione, sono seguiti tre interventi di grande livello. 

Il Prof. Bonfanti L. associato di Anatomia c/o Scienze Veterinarie e ricercatore Nico, ha parlato di Neurogenesi, cioè di generazione di nuovi neuroni nei cervelli adulti osservata attraverso studi comparati su molti animali. 

La Prof.ssa Boido M., prof associato di Anatomia Umana, Biologa e Ricercatrice c/o NICO che studia malattie degenerative e traumatiche che colpiscono il midollo spinale, ha parlato di strategie di tipo terapeutico e dell’approccio con uso delle staminali embrionali e somatiche adulte alla cura di lesioni del midollo. 

Infine la Dott.ssa Penna T., Dottore di ricerca in Filosofia del Diritto che collabora con il Dipartimento di Giurisprudenza ed è Assistente alla cattedra di Bioetica, ha disquisito sul rapporto tra Etica e Scienza, affrontando argomenti delicati come la manipolazione degli embrioni e il “fine vita”. 

Questa giornata, giunta alla 12° edizione, è da sempre un evento di diffusione e promozione della cultura scientifica. Attraverso la nuova modalità on line molti più studenti hanno potuto assistere alla conferenza. Solo attraverso l’interazione con la società può nascere un mondo diverso, nel quale la cultura scientifica sia diffusa e funzionale a migliorare la qualità della vita delle persone. 

Dopo un dibattito molto intenso e ricco di spunti, è emerso che tutti i relatori provenivano da studi classici, a riprova che il Liceo Classico offre metodo e rigore logico, qualità, queste, fondamentali per un approccio corretto alla Scienza.


a cura di Raffaella Rubano


LINK VIDEO EVENTO 

Link dettagli EVENTO